Recensione: “Oro, incenso e polvere” di Valerio Varesi

0

Per tutto il mese di agosto e fino alla metà di settembre, ewwa.org offre a voi, suoi lettori e sue lettrici, brevi recensioni di romanzi che potrebbero incuriosirvi o che potreste voler leggere durante le vacanze estive.
La normale programmazione del sito, con articoli e interviste, riprenderà nella seconda metà di settembre.
Nel frattempo, buona lettura!

Valerio Varesi, “Oro, incenso e polvere – Le inchieste del commissario Soneri”, ed. Frassinelli – recensione di Cristiana Russo Fiorillo

In una Parma umida e nebbiosa, il commissario Soneri si trova a dover dare un nome e una storia a un cadavere carbonizzato e a tanti altri piccoli avvenimenti apparentemente senza collegamento, ma in realtà profondamente legati, all’interno del malaffare che pervade la città e si insinua nei meccanismi oliati dalla corruzione.

Ma la nebbia non è solo fuori. Entra anche nei pensieri di Soneri, fa emergere le sue insicurezze, mina i suoi pochi punti fermi. Angela, la donna con cui si accompagna da tempo, svela i suoi dubbi sul loro rapporto e per la prima volta Soneri ha davvero paura. Fragile come un bambino, deve affrontare una volta di più le sue ferite mai risolte in una inquietudine che lo travolge a ondate, dando alle sue giornate una dimensione di irrealtà. È la trappola del passato in cui riconosce frammenti di vita che non torneranno e in cui rischia di perdersi.

Solo il suo instancabile intuito, la pazienza, la disponibilità e le riflessioni a volte un po’ ingenue del fidato ispettore Juvara, la complicità leale e un po’ cinica del medico legale Nanetti, riusciranno a mantenerlo dentro la realtà, in un caso più difficile del solito.

Leggere di città nebbiose e fredde in piena estate crea un’apparente dissociazione, un’inaspettata separazione dal quotidiano. Costringe a fermarsi per trovare la strada dentro al labirinto, mette in contrasto “il fuori con il dentro”. E la nebbia, che sembra coprire anche i pensieri, si rivela invece preziosa alleata, permette al lettore di entrare nella vita dei personaggi, lenta e inarrestabile, coinvolge e avvolge anche la vita del lettore in un dolce e tagliente abbraccio.

Commenti